Stampa
13
Mag

Gruppo Mediterraneo: la dichiarazione di Alicante

cumbrealicantePer il vostro interesse, riproduciamo la dichiarazione dei ministri degli Esteri del Mediterraneo Gruppo:

Il Gruppo Mediterraneo, composto dai ministri degli Affari esteri di Cipro, Francia, Grecia, Italia, Malta, Portogallo e Spagna, da Alicante ha adottato la seguente dichiarazione: “I FLUSSI MIGRATORI NEL MEDITERRANEO: EVOLUZIONE RECENTE E LE AZIONI DA INTRAPRENDERE NEL QUADRO DELL'UNIONE EUROPEA”

I tragici eventi che recentemente hanno avuto luogo nel Mediterraneo costituiscono, ancora una volta, un riflettore su come l'immigrazione irregolare rappresenti un dramma umano. La pressione migratoria nel Mediterraneo, lungi dal diminuire, è in aumento a causa della situazione di instabilità e povertà nei paesi di origine.

Questa situazione richiede grandi sforzi agli Stati membri dell'Unione europea posti sul Mediterraneo poiché agli Stati membri del Mediterraneo spetta la responsabilità di controllare una parte della frontiera esterna europea. Le iniziative adottate, infatti, mirano al beneficio di tutta l'Unione europea. E va notato come un gran numero di migranti che arrivano alle nostre frontiere si propone poi di continuare il percorso in altre parti dell'Unione europea .

Apprezziamo il coinvolgimento della Commissione europea nell'affrontare l'emergenza a livello comunitario e imploriamo per una partecipazione crescente di tutti gli Stati membri, in maniera decisiva, negli sforzi per promuovere un approccio globale ai problemi migratori.

Questo forum sostiene il lavoro svolto dalla task force per il Mediterraneo, che ha individuato una serie di misure specifiche la cui attuazione efficace dovrebbe essere accelerata.

Tutte queste sfide possono essere affrontate solo globalmente attraverso l'adozione di misure sia a breve sia a lungo termine. L'Unione europea e la comunità internazionale dovrebbero mobilitare risorse per la gestione dei flussi migratori:

· La solidarietà all’interno dell’Unione europea e gli Stati membri meridionali che subiscono il massiccio e disordinato arrivo dei flussi migratori, nonostante gli sforzi per controllare le frontiere esterne, dovrebbe includere un supporto finanziario sufficiente ed efficace da parte dell'Unione europea. La solidarietà dovrebbe essere espressa anche con il Sud degli Stati membri che devono affrontare il complesso controllo delle frontiere.

· Il controllo esterno dei confini europei - terra e mare - va mantenuto e rafforzato attraverso Frontex, che dovrebbe concentrare le sue attività sulla sua missione fondamentale di attività operativa, ivi comprese le operazioni congiunte con una maggiore partecipazione degli Stati membri.

· Il rafforzamento delle capacità nei paesi di origine e di transito nel Mediterraneo e nella regione sub-sahariana dovrebbe essere effettuato per ottimizzare le capacità di controllo delle frontiere, anche nella prospettiva di promuovere un’efficace prevenzione della migrazione irregolare alla fonte.

· La lotta contro le reti criminali e la tratta di esseri umani, che costituiscono forme intollerabili di sfruttamento, deve rimanere una priorità attraverso lo sviluppo della cooperazione operativa con i paesi terzi .

Sono necessari:

· Azioni risolute riguardanti ogni forma di ritorni e riammissioni, in modo che coloro che sono in situazione irregolare nell'Unione europea possono tornare nei loro paesi d'origine rapidamente , nel pieno rispetto dei loro diritti fondamentali e sulla base di internazionale e degli standard comunitari.

· Il rafforzamento del ruolo delle organizzazioni internazionali, che operano in paesi terzi di transito, come l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. Queste hanno una funzione chiave nel settore del rimpatrio volontario assistito attraverso l'attuazione di programmi specifici, che insieme ad altri programmi che potrebbero essere sviluppati in futuro, dovrebbe essere sostenuta istituzionalmente e finanziariamente anche al fine di aiutare i paesi terzi di transito per far tornare migranti irregolari nei loro paesi d’origine.

· La promozione delle conclusione di accordi di riammissione con i paesi di origine e transito per il miglioramento delle prassi correnti degli Stati membri dell'Unione europea. In questo contesto, l'attuazione dell'articolo 13 dell'accordo di Cotonou UE-ACP è di grande importanza. La Commissione deve compiere gli sforzi necessari per garantire che gli Stati africani adempiano ai loro impegni in materia di riammissione.

· Il rafforzamento della cooperazione tra i paesi di destinazione e di origine, anche per quanto riguarda l'uso dei canali esistenti di migrazione legale, tenendo conto dell'interesse comune di entrambi i paesi partner e la necessità di evitare la perdita di capitale umano. Un buon esempio potrebbe essere la “migrazione circolare”.

· La politica migratoria dell'Unione europea dovrebbe essere pienamente integrata nella sua azione esterna, in modo che gli obiettivi e le priorità delle politiche migratorie possano essere presi in considerazione durante la progettazione e attuazione della sua politica estera. A tal fine , è essenziale migliorare i meccanismi di coordinamento tra gli Stati membri , il Seae e la Commissione europea. Strumenti a disposizione dell'Unione europea dovrebbero essere utilizzati nel modo più efficace possibile per promuovere la cooperazione con i paesi terzi nell'ambito dell'approccio globale in materia di migrazione e mobilità (Gamm).

· I partenariati per la mobilità già firmati con Marocco e Tunisia devono essere dotati di necessario finanziamento da parte dell'Unione europea. Ci aspettiamo la firma di più partenariati con i paesi terzi dell'area mediterranea. Allo stesso modo, le azioni continueranno ad essere coordinate all'interno dei dialoghi e processi regionali, come il processo di Rabat, così come nell'ambito della strategia comune Ue-Africa , promuovendo la cooperazione migratoria e il dialogo regionale. Tale dialogo sulle questioni migratorie dovrebbe essere avviato con i paesi dell'Africa orientale.

· Gli sforzi in materia di migrazione e sviluppo dovrebbero continuare ad affrontare in maniera adeguata le cause profonde delle migrazioni legate alla povertà, all’instabilità politica e ai conflitti, così come la mancanza di rispetto dei diritti umani, creando alternative nei paesi di origine e di transito. L'impegno delle istituzioni competenti dell'Unione europea nella cooperazione allo sviluppo è necessario per rafforzare quanto è già stato fatto dagli Stati membri negli ultimi anni.

Tutto questo dovrebbe assumere la forma di cooperazione Ue supportata da diversi programmi e strumenti di finanziamento, per alleggerire la pressione migratoria e favorire lo sviluppo economico e sociale dei paesi di origine e di transito.

Infine, questo Forum sottolinea l'importanza di tutte queste questioni da porre all’interno delle linee strategiche per l'ulteriore programmazione legislativa e operativa nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia, che saranno definite dal Consiglio europeo nel giugno 2014.

Per contattarci

Sede Centrale: C/ Bravo Murillo, 120. Portal Izq. 1º A. 28020. Madrid. Spain

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Rete sociale

Twitter

Facebook

Flickr