Stampa
29
Gen

Portogallo accoglie i rifugiati nel suo ambiente locale

fatimaL'attenzione ai rifugiati per la loro integrazione nell'ambiente locale è una priorità presso il centro di accoglienza del Conselho Portugues para os Refugiados (CPR) nella città di Loures, vicino a Lisbona. I responsabili del PICM, guidati dalla Vicepresidente Maria Reina Martín, hanno visitato il centro, dove sono stati ricevuti dal suo direttore, Tito Matos.

Lì, hanno visitato le strutture, hanno imparato a conoscere le sue operazioni e hanno potuto conversare con persone provenienti dalla Somalia, dalla Guinea-Bissau o dalla Guinea-Conakry.

Il centro offre servizi di supporto legale, sociale e culturale. Ha un'attenzione particolare in relazione all'ambiente locale: insegnamento della lingua portoghesa; partecipazione di rifugiati e portoghesi alle attività sportive ; consulenza per la ricerca di lavoro per tutti; scuola nelle stesse scuole. Il centro ora ospita 95 persone e serve mille persone durante tutto l'anno.

Questa visita fa parte del seminario "Il ruolo delle organizzazioni dei lavoratori nell'integrazione degli immigrati (rifugiati) nella società e nel mercato del lavoro" (v. programma). Organizzato da FIDESTERA, con il sostegno di EZA e della Commissione europea, si è tenuto a Lisbona e Fatima, tra il 26 e il 28 gennaio.

Hanno partecipato delegati provenienti da Portogallo, Italia, Spagna, Polonia e Paesi Bassi.

L'olandese Bartho Pronk, presidente di EZA; l'italiano Piergiorgio Sciaqua, co-presidente di EZA; e lo spagnolo Rafael Rodríguez-Ponga, presidente della PICM, ha sottolineato il lavoro del Portogallo. In particolare, hanno elogiato lo sforzo di integrazione dei rifugiati con la comunità locale, con i suoi aspetti linguistici e religiosi.