Stampa
05
Mag

Reti e piattaforme EZA: Piattaforma internazionale per la cooperazione e la migrazione (IPCM)

L'IPCM è figlia di EZA. Anni e anni fa, EZA osservò che vari centri soci svolgevano attività connesse con la mobilità dei lavoratori e delle loro fami- glie e prestavano una particolare attenzio- ne ai fenomeni migratori. Parallelamente, altri soci si dedicavano a progetti di cooperazione internazionale allo svilup- po. Così, nel 2004 un gruppo di centri EZA decise di dare vita a questa piattafor- ma, che nel 2009 fu legalmente costituita come associazione di persone giuridiche. Nel corso degli anni, abbiamo tenuto seminari di formazione e riunioni di lavo- ro a Bruxelles, Napoli, Palermo, Madrid, Barcellona, Siviglia, Toledo, Valladolid, Lisbona, Amarante, Guimaraes, Évora e Malta. Abbiamo affrontato temi quali "Il mercato del lavoro e le migrazioni nell'Ue: come frenare la tendenza all'e- sclusione sociale dei migranti e quale ruolo attribuire a sindacati e organizza- zioni dei migranti nei processi di integra- zione?", nel 2014, "Crisi economica e sociale, ripercussioni sul mercato del lavoro nell'Ue: analisi della situazione attuale, previsione degli sviluppi futuri ed esigenze politiche e legali per un'evolu- zione favorevole alla creazione di posti di lavoro per migranti e autoctoni", nel 2013, e "Partecipazione degli immigranti al dia- logo sociale e al mercato del lavoro", nel 2012. (EZA News)

Con la nostra attività, aspiriamo, da una parte, ad offrire opportunità di formazio- ne, studio e scambio di esperienze e cono- scenze tra i soci dell'IPCM; dall'altra, a presentarci alla società con una voce uni- taria, basata sui principi che condividia- mo come organizzazioni sociali fondate sull'umanesimo cristiano e che ci sprona- no a ricercare vie per alleviare le soffe- renze di tanti milioni di persone in tutto il mondo.

Oggi, l'IPCM conta 22 membri, tra soci a titolo pieno e osservatori, provenienti da Spagna, Italia, Portogallo, Polonia, Germa- nia, Romania, Albania, Paesi Bassi e Cile. EZA è socio dell'IPCM. Tra gli altri soci, alcuni fanno parte della rete EZA e altri no. L'IPCM è aperta a tutte le richieste di adesione inviate da organizzazioni che condividono il nostro approccio e i nostri principi.

L'IPCM ha sede a Madrid e fa capo alla legge spagnola. La Fundación Humanis- mo y Democracia (H+D) è responsabile della segreteria tecnica.

L'IPCM si finanzia mediante le quote dei soci e le sovvenzioni che riceve, ad esem- pio, dal Ministero spagnolo degli Affari Esteri e della Cooperazione. Per alcuni seminari, le delegazioni della Commis- sione europea hanno messo a disposizio- ne i propri impianti e servizi.

L'IPCM aspira ad integrare nella propria rete tutti i soggetti aventi a cuore la digni- tà della persona, l'integrazione sociale e culturale e i valori umani.

Rafael Rodríguez-Ponga.