Stampa
16
Ott

COMUNICATO: PER I VALORI DEMOCRATICI ED EUROPEI

on Lunedì, 16 Ottobre 2017 08:28.

Dichiarazione della PICM sulla situazione in Catalogna

La Piattaforma Internazionale per la Cooperazione e la Migrazione (PICM / IPCM), che riunisce una ventina di organizzazioni sociali di vari paesi europei, intende dichiarare pubblicamente la propria posizione sui gravi eventi che si stanno verificando nella regione spagnola della Catalogna:

  1. La PICM, sin dalla sua creazione e secondo i propri statuti, promuove "i principi della difesa della libertà, la democrazia, l'umanesimo cristiano, la tolleranza, lo sviluppo umano e il benessere sociale".

  2. La PICM vede quindi con grande preoccupazione la divisione provocata dall'ideologia nazionalista estremista nella società catalana, nonché la costante violazione del quadro giuridico e costituzionale da parte delle autorità catalane, il cui progetto comporta non solo la frattura della Spagna, ma anche l'uscita dall'Unione europea.

  3. La PICM ribadisce la propria risoluta adesione ai valori europei basati sullo stato di diritto, i diritti individuali, la non discriminazione, la sussidiarietà e la solidarietà tra i territori e gli stati.

  4. Proprio per la sua continua attenzione verso i migranti, la PICM intende esprimere la sua solidarietà nei confronti di coloro che vengono discriminati o minacciati a causa della loro origine o della loro lingua.

  5. Come piattaforma internazionale, la PICM è assolutamente rispettosa del diritto internazionale, dell'esistenza degli Stati e della loro sovranità, come è indubbiamente il caso del Regno di Spagna.

  6. La PICM ha piena fiducia nel Governo della Spagna e nel dialogo fra i partiti politici per ripristinare l'ordine costituzionale ed evitare il conflitto sociale provocato da motivi ideologici tipici degli anni Trenta.

11 ottobre 2017

Stampa
07
Mar

Conclusioni seminario europeo PICM sull'immigrazione di Melilla

on Martedì, 07 Marzo 2017 10:24.

fronteraLa PICM ha organizzato insieme a EZA un seminario europeo sull'immigrazione nella città di Melilla (Spagna), dal 23 al 26 febbraio 2017.

I suoi membri hanno potuto così conoscere la città e la sua cultura, la recinzione di confine, il passaggio di veicoli e pedoni attraverso la frontiera e il Centro di permanenza temporanea degli immigrati.

Pertanto, la PICM:

Esprime il proprio apprezzamento per gli sforzi degli abitanti e delle autorità di Melilla per costruire una città modello di convivenza e di coesione sociale, in una realtà caratterizzata dalla diversità culturale e religiosa;

Riconosce l’impegnativo lavoro delle autorità spagnole in questa frontiera terrestre dell'Unione Europea che, ogni giorno, viene attraversata in tutta libertà e normalità da circa 40.000 persone. Apprezza altresì l’opera di accoglienza e identificazione dei rifugiati e degli immigrati, la sicurezza e i rapporti di buon vicinato con il Marocco;

Ribadisce con convinzione la necessità di una politica comune europea in materia di immigrazione e asilo in grado di offrire una risposta  coerente alle sfide attuali; proprio tali sfide sono state esaminate nel seminario, con una particolare attenzione a ciò che esse rappresentano per la Spagna, l’Ungheria, l’Austria , la Polonia, il Portogallo, l’Italia e la Francia;

Chiede sia alle autorità che ai singoli cittadini  di rafforzare con generosità la cooperazione allo sviluppo, soprattutto attraverso le ONG, per contribuire a migliorare le condizioni di vita delle persone nei propri paesi di origine;.

Sostiene con decisione la crescita delle persone, i diritti umani, il diritto di emigrare o non emigrare, il diritto internazionale e le buone relazioni internazionali;

Rivendica il massimo rispetto e l’assistenza alle persone provenienti da luoghi lontani, nonostante esse si trovino in una situazione di illegalità o siano prive di documenti, e chiede una maggiore fermezza nel contrasto alla tratta di esseri umani e le altre minacce contro la vita e la dignità;

Ringrazia sinceramente EZA per aver co-organizzato il seminario, l'Unione europea per i finanziamenti e la fondazione Humanismo y Democracia (H + D) per il contributo organizzativo. Ringrazia inoltre calorosamente la città di Melilla per la cordiale accoglienza e l’ospitalità mostrata dalle autorità nazionali e locali, i rappresentanti delle diverse comunità culturali e religiose della città e la particolare attenzione dedicata dai media al seminario.

Stampa
27
Feb

Melilla, seminario sull’immigrazione: "E' meglio un recinto o un muro con delle porte piuttosto che una situazione caotica"

on Lunedì, 27 Febbraio 2017 12:47.

mel01Con queste parole, il presidente del Centro europeo per le questioni dei lavoratori (EZA), l’ex-eurodeputato olandese Bartho Pronk, ha riconosciuto l'importanza e la validità della gestione della migrazione svolta dalle autorità spagnole a Melilla, contrapponendola alle caotiche situazioni verificatesi in altri paesi europei. Pronk ha rilasciato queste dichiarazioni dopo la visita al Centro di permanenza temporanea per immigrati di Melilla (CETI) e alla recinzione di confine fra la Spagna e il Marocco.

Il seminario I fenomeni migratori e la politica migratoria della UE: riflessioni analitiche e prospettive nell'ambito del dialogo sociale europeo (v. programma) ha visto riuniti a Melilla partecipanti provenienti da nove paesi europei.

Organizzato dalla Piattaforma internazionale per la cooperazione e le migrazioni (PICM) in collaborazione con la fondazione H + D e l’assessorato per la cultura di Melilla, i giorni 24 e 25 febbraio, il seminario è stato finanziato dall'Unione Europea e dal Centro europeo per le questioni dei lavoratori (EZA).

Per contattarci

Sede Centrale: C/ Bravo Murillo, 120. Portal Izq. 1º A. 28020. Madrid. Spain

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Rete sociale

Twitter

Facebook

Flickr